Dai paesaggi impressionisti alle sperimentazioni, la mostra a Palazzo Reale

0
24

Apre l’8 Marzo la mostra a Palazzo Reale di Milano, Impressionismo e avanguardie. Un’accurata selezione di 50 opere, gentilmente concesse dal Philadelphia Museum of Art, un museo che è sempre stato all’avanguardia: fondato nel 1876, ha cominciato a dare spazio all’arte impressionista ed avanguardista, quando questa era sostanzialmente ignorata e disprezzata nel Vecchio Continente. Le continue donazioni negli anni dei collezionisti americani, che hanno sempre guardato con grande entusiasmo alla produzione europea d’avanguardia, ha permesso alla città di Philadelphia di poter vantare di un patrimonio artistico di eccezionale portata (circa 240.000 opere ad oggi). L’esposizione, tra gli eventi in primo piano nella città meneghina, mira infatti anche a ricordare l’importanza incisiva del collezionismo americano nella la conoscenza e la divulgazione di queste forme artistiche, considerate al tempo come in aperta rottura con la tradizione.

La mostra milanese si concede dunque uno sguardo di questa straordinaria collezione, con un percorso mirato a far conoscere l’evoluzione del panorama artistico europeo. L’esposizione si apre con i quieti paesaggi e ritratti impressionisti di Monet e Pissarro, prosegue con le più ardite sperimentazioni di Van Gogh e Gauguin, sfociando nell’avanguardismo cubista di Picasso e chiudendo con le visioni surrealiste di Mirò e Dalì.

Questi sono solo alcuni dei nomi della mostra, la quale, in occasione della coincidenza dell’apertura con la Festa della Donna, vuole dare anche risalto ad alcune esponenti dell’arte europea. Un importante esempio è rappresentato dalla pittrice Berthe Morisot, che rivendicò in più occasioni la sua appartenenza al gruppo impressionista, in un momento in cui il pensiero femminile era fortemente escluso dal panorama artistico.

La mostra è visitabile dall’8 marzo al 2 Settembre 2018. Il biglietto intero è di 12 euro, ridotto 10 euro. Sono presenti anche diverse riduzioni per famiglie e gruppi. Ulteriori info.

Testo di Costanza Bersani, foto Ufficio stampa Skira mostre | Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Since you’re here…

… we have a small favour to ask. More people are reading The Guardian than ever but advertising revenues across the media are falling fast. And unlike many news organisations, we haven’t put up a paywall. We want our journalism to remain accessible to our global audience. Our readers’ contributions enable us to maintain this openness, so we can all access accurate information and analysis.

The Guardian’s independent, investigative journalism takes a lot of time, money and hard work to produce. But we do it because we believe our perspective matters – because it might well be your perspective, too.

If everyone who reads our reporting, who likes it, helps to support it, our future would be much more secure. For as little as £1, you can support the Guardian – and it only takes a minute. Thank you.