Slovenia, a Krvavec si scia fra paesaggi fatati

0
19

Il landscape della Slovenia si trasforma in una fiaba invernale quando le vette sono innevate e le sue piccole località sciistiche offrono una piacevole atmosfera familiare con le luci calde che illuminano le strade. Slittini e sci alla mano, ci si lascia incantare dalla natura meravigliosa mentre si praticano le attività invernali possibili, prima di rilassarsi gustando un ottimo vin brûlé o un tè intorno al fuoco, ascoltando una tra le tante esibizioni musicali in programma . 

A Kranjska Gora, nord-ovest della Slovenia, tra Austria e Italia, c’è il Villaggio alpino, con casette dalla ricca offerta gastronomica e prodotti di artigianato locale, illuminate a festa nella piazza davanti alla chiesa. Kranjska Gora è famosa per la Coppa del Mondo di salto con gli sci di Planica e per la Coppa del Mondo di discesa maschile a Vitranc. Le sue ottime piste regalano dolci pendii, un vero paradiso per sciatori principianti o poco esperti. Qui, alberghi e appartamenti turistici, si trovano nelle immediate vicinanze delle piste, che presentano varie difficoltà e sono collegate da un sistema di 13 impianti di risalita, 4 seggiovie a quattro posti e 1 seggiovia a due posti, che coprono 120 ettari di terreno. E se non dovesse esserci abbastanza neve, niente paura… quasi l’intera area sciistica è coperta da un sistema di cannoni per l’innevamento artificiale! Kranjska Gora è ideale anche per lo sci di fondo, con i suoi 40 km di piste, per lo slittino, le passeggiate con le ciaspole, l’arrampicata su cascate di ghiaccio e il pattinaggio su ghiaccio all’aperto

A soltanto 25 km da Lubiana si incontra Krvavec, i cui moderni impianti servono 30 km di piste con neve naturale e compatta, varie e ideali per tutti i livelli. Ci sono scuole sci per imparare discesa, carving e snowboard, un noleggio sci e uno ski service. I più piccoli possono divertirsi in un parco giochi e nel parco della neve, mentre gli sciatori più esperti possono sfidarsi su una pista dotata di cronometraggio elettronico. Gli snowboarder  si scatenano allo Snow Park Krvavec, con 10 strutture e 6 salti, da 3 a 12 metri. Con buon innevamento anche i freerider trovano tracciati per loro, mentre chi non scia può fare escursioni a piedi, slittino (anche di notte) e mountain bike. 

La città di Maribor, oltre ad essere la più grande città slovena dopo la capitale, è famosa per le gare di slalom speciale e slalom gigante femminile, valide per la Coppa del Mondo di sci alpino e note come Golden Fox – Zlata lisica.Per chi cerca un po’ di romanticismo, il suggerimeno è di puntare alla pista da pattinaggio su ghiaccio in Piazza Trg Svobode o a un giro in carrozza trainata dai cavalli.

Quello di Maribor è il più grande comprensorio della Slovenia, con i suoi 60 km di piste di sci alpino che si estendono dalla stazione inferiore della funivia fino allo Zigartov Vrh (1346) e poi nella parte superiore, occidentale del massiccio (1546). La neve è garantita per 100 giorni grazie ad una copertura del 95% di innevamento artificiale. Sciatori e snowboarder possono scendere lungo diverse piste, adatte sia ai principianti che agli esperti, senza fare lunghe file agli impianti e godendo della vista meravigliosa sulla valle con i suoi piccoli e movimentati centri e sulle montagne di Peca Raduha. I fondisti trovano sulle creste occidentali del Pohorje il loro paradiso, con 36 km di piste, mentre gli amanti del brivido potranno approfittare del Parco dell’Adrenalina del Pohorje a Koca Luca, a metà strada tra le 2 stazioni della funivia. 

Un chicca: qui non si scia solo di giorno… la città, infatti, presenta una delle piste illuminate più lunghe in Europa!

Testo di Graziella Leporati  |  Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Since you’re here…

… we have a small favour to ask. More people are reading The Guardian than ever but advertising revenues across the media are falling fast. And unlike many news organisations, we haven’t put up a paywall. We want our journalism to remain accessible to our global audience. Our readers’ contributions enable us to maintain this openness, so we can all access accurate information and analysis.

The Guardian’s independent, investigative journalism takes a lot of time, money and hard work to produce. But we do it because we believe our perspective matters – because it might well be your perspective, too.

If everyone who reads our reporting, who likes it, helps to support it, our future would be much more secure. For as little as £1, you can support the Guardian – and it only takes a minute. Thank you.