Oasis Photo Contest: l’Oscar della fotografia naturalistica

0
17
©Audun Rikardsen – International Oasis Photographer 2017

Con l’apertura delle nuove iscrizioni, la cui chiusura è prevista per il 10 marzo 2018, è ufficialmente iniziata la 14° edizione del Premio Internazionale di Fotografia Naturalistica Oasis Photo Contest. Considerato come l’Oscar della fotografia naturalistica, è l’occasione per poter ammirare le più coinvolgenti e spettacolari foto di natura, paesaggi, animali e popoli.

Si tratta di uno dei maggiori contest italiani della fotografia naturalistica, di viaggio e di paesaggio, nonché uno dei principali a livello internazionale. L’Oasis Photo Contest rappresenta sia per i fotografi professionisti che per i semplici appassionati, l’occasione di farsi conoscere, vedere esposte le proprie foto e magari vincere anche uno dei numerosi premi che vengono assegnati.

©Massimo Zanotti – Italian Oasis Photographer 2017

Anche quest’anno sono in palio infatti diversi titoli. Oltre al Vincitore Assoluto, a cui verrà assegnato un premio di 3.000 euro e una statua in bronzo dello scultore Michele Vitaloni, verranno consegnati il premio Oasis Magazine, il premio per il miglior fotografo italiano e quelli per i vincitori di ogni singola categoria Raw e Open. La novità principale di questa edizione risiede infatti proprio nella nuova sezione Open. Si dà infatti la possibilità di partecipare anche con fotografie scattate, non attraverso macchine fotografiche, ma con smart-phone, Tablet e compatte. Le categorie della sezione Open sono: Natura, Animali, Gente e popoli; quelle della sezione Raw sono invece paesaggio, mammiferi, uccelli e chirotteri, tutti gli altri animali, storyboard, fotografia subacquea e mondo vegetale. Non manca ovviamente anche quest’anno la sezione dedicata alle giovani promesse, ovvero ai ragazzi.

Le foto verranno ovviamente valutate da una giuria competente ed internazionale, composta da grandi nomi come: Emmanuel Rondeau (Francia), Richard Peters (Inghilterra), Alex Mustard (Inghilterra), Joe Petersburger (Ungheria), Marco Pinna (Italia) e Sergio Pitamitz (Italia, storico collaboratore di Latitudes) Cristobal Serrano (Spagna) e il biologo italiano Cesare Avesani Zaborra come consulente esterno.

©James Gifford – Oasis Magazine Award 2017

Ma i premi non sono di certo l’unica aspirazione per chi partecipa a questo contest. “L’Oscar della fotografia naturalistica” è un’importante occasione ed un’ottima vetrina per mostrare al mondo il proprio talento. Infatti le immagini più belle entrano a far parte del prestigioso catalogo che viene stampato sia in italiano che in inglese. Le stesse foto faranno anche parte di una mostra itinerante che per un intero anno girerà tra le principali città italiane. Inoltre, le mille immagini che raggiungeranno la fase finale del contest, verranno pubblicate sul sito del concorso e potranno essere votate da tutti per poter vincere il Premio Oasis Web.

Per maggiori informazioni vedere il sito Oasis Photocontest

Testo di Chiara Dalla Fontana |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Since you’re here…

… we have a small favour to ask. More people are reading The Guardian than ever but advertising revenues across the media are falling fast. And unlike many news organisations, we haven’t put up a paywall. We want our journalism to remain accessible to our global audience. Our readers’ contributions enable us to maintain this openness, so we can all access accurate information and analysis.

The Guardian’s independent, investigative journalism takes a lot of time, money and hard work to produce. But we do it because we believe our perspective matters – because it might well be your perspective, too.

If everyone who reads our reporting, who likes it, helps to support it, our future would be much more secure. For as little as £1, you can support the Guardian – and it only takes a minute. Thank you.