Costa Rica, il paese è ottimista

0
17

I suoi abitanti sono tra i più longevi al mondo. E tra i più felici, almeno secondo l’Happy Planet Index. Alla base c’è uno stile di vita che qui si chiama pura vida: ossia, cogli l’attimo,accontentati. A ritmo di reggae e calipso la  Costa Rica ha fatto della resilienza il proprio inno nazionale.

È il paese dei parchi nazionali, dei vulcani e della biodiversità straordinaria. Più di 500 mila specie hanno trovato il loro habitat in questo fazzoletto del Centroamerica, che ha un quarto di terre protette. La Costa Rica è green. E sempre più di tendenza. Una sensibilità spiccata alle tematiche ambientali e una popolazione che ha saputo conservare tradizioni e autenticità la eleggono meta sostenibile, attraendo viaggiatori attenti a un tipo di turismo lontano dai circuiti battuti. E se l’hanno scorso vi abbiamo fatto conoscere la Costa Rica nella sua anima verde, oggi il viaggio continua. E diventa a colori.

Siamo a sud est,  sulla costa caraibica, dove la pura vida ha il ritmo rilassato e melodico della musica reggae e calipso. Una regione meno occidentalizzata, che ha come protagonista indiscusso il mare, azzurrissimo, che lambisce dolcemente le spiagge selvagge e chete, al riparo dagli uragani.

Arrivare nella zona del caribe sur significa proprio disconnettersi  dal resto del mondo e immergersi nella cultura del posto. Le radici afro caraibiche qui sono una bandiera, un patrimonio da tutelare. A Puerto Viejo, tappa saliente di questo percorso, c’è la Casa de la Cultura come punto di riferimento per la conservazione delle tradizioni locali, che funge anche come centro di incontro e ritrovo per la comunità.

C’è la musica, come aggregante e fil rouge, che aleggia e tiene insieme il patrimonio culturale materiale e immateriale. C’è il reggae e il calipso, un genere originario di Trinidad e Tobago, ma che in Costa Rica ha riscosso successo a livello mondiale con grandi musicisti locali come il noto Walter Ferguson di Cahuita e con il Festival Internacional de Calypso che ogni anno tiene banco in luglio.

E la felicità si gusta anche a tavola.  Nei piatti tipici del Rice and Beans e il Rondon (una zuppa a base di pesce e latte di cocco), vere delizie per i palato, tripudio di sapori speziati al ginger, curry, coriandolo. Vivace e cosmopolita, il villaggio è ancora non preso d’assalto dal turismo di massa. Si può camminare, pedalare in bici, abbronzarsi al sole, seguire una lezione di surf, conoscere progetti ambientali locali, esplorare i parchi nazionali (Cahuita a solo 20 minuti in bus o macchina e Manzanillo) fare canopy, e molto altro. Tutto come un vero local.

E poi ci sono le spiagge, con rene chiare che da sole valgono il viaggio. Coste selvagge incorniciano il paesaggio tra Puerto Viejo e Manzanillo, tra le più popolari e frequentate si deve citare Playa Cocles. Meno battuta invece è Playa Chiquita, ottima per chi vuole rilassarsi e rimanere un po’ isolato e in mezzo alla natura. La spiaggia qui è fatta da diverse baie e il mare propone anche fondali corallini, ideali per fare snorkeling o rilassarsi nelle piscine naturali.
Merita una menzione Punta Uva, a 8 km dal centro, considerata tra le più belle di tutta la costa, circondata com’è da una fitta vegetazione tropicale. A circa 12 km c’è il punto panoramico più apprezzato dai turisti. Stiamo parlando di Manzanillo, dove i Caraibi costaricensi finiscono. E finisce anche la strada.

Testo e foto di Nathalie Vigini | Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Sfoglia il magazine

Info Utili

Informazioni

La Costa Rica si trova in America Centrale, bagnata dall’Oceano Pacifico a ovest e dal Mar dei Caraibi a est.  A nord e sud confina rispettivamente con Nicaragua e Panama. I suoi 51.000 kmq di superficie sono popolati da 4.700.000 abitanti. E’ il primo Paese al mondo senza esercito, abolito nel 1949. Una larga fetta del suo territorio ospita aree protette e santuari faunistici, intorno a cui si sviluppa il turismo.

Come arrivare

Il modo migliore è poter affittare un auto e poter raggiungerla liberamente da San Jose, la capitale, o se arrivata dal vulcano Arenal.
Ci sono minibus turistici che sono organizzati e vi portano dal vostro hotel in città fino a Puerto Viejo direttamente al vostro hotel. Durata del viaggio circa 4 ore. Altrimenti  c’è anche l’opzione del bus pubblico direttamente dalla capitale San Jose, facendo solo una breve sosta a Limon. Durata del viaggio circa 5 ore.

Quando andare – Clima: La stagione migliore è quella secca, da dicembre ad aprile, ma anche la più affollata. Al nord-ovest l’ invierno diventa invece la “stagione verde” delle nuove foglie. Le tartarughe preferiscono il periodo da aprile a ottobre per depositare le uova sulle spiagge, con periodi diversificati secondo la specie. Durante la stagione delle piogge alcune strade sono impraticabili. I periodi aprile- maggio e ottobre-dicembre sono un buon compromesso.

Dove dormire

Ci sono ormai tante soluzioni dove poter passare la notte tra Puerto Viejo e Manzanillo.
Se cerchi qualcosa di economico e hai voglia di un po di vita notturna ti consiglio di stare direttamente in centro paese a Puerto Viejo, dove troverai diverse opzioni di ostelli o hotel economici ma belli dove poter rilassare e essere a due passi da ristoranti e baretti.
Se cerchi qualcosa di piu carino ma soprattutto piu immerso nella natura allora ti consiglio di stare nella zona dopo Puerto Viejo, tra Playa Negra e Playa Cocles.
Ci sono ormai tante opzioni di hotel di tutte le categorie e oggigiorno si trovano anche molte case in affitto se la tua idea è quella di rimanere una settimana o piu tempo per veramente entrare nel ritmo locale e rilassarti durante la vacanza.

Dove mangiare

Grande varietà di ristoranti che servono dai piatti semplici e tradizionali come il gallo pinto a ristoranti gourmet che elaborano in modo raffinato gli stessi elementi di base: riso, mais,  fagioli, verdure e carne, lungo le coste sostituita da pesce. Prezzi per i ristoranti normali intorno ai 20 US$.

Fuso orario

-7 ore.  (-8 se in Italia c’è l’ora legale)

Documenti

Per permanenze fino a 90 giorni è’ necessario il passaporto, ma non il visto.

Vaccini

Nessuno obbligatorio a meno che non si provenga da zone dove la Febbre Gialla è endemica. Consigliati difterite e tetano, epatite virale A e B, febbre tifoide. In generale, l’acqua di rubinetto è abbastanza sicura, tranne che nelle aree rurali.

Lingua

Spagnolo.

Religione

Cattolica.

 Valuta

La moneta locale è il colon (1 euro = 575 colon). I prezzi sono tra i più alti del centro-Sudamerica, e comparabili con quelli del Brasile, comunque inferiori all’Europa o agli USA. Il dollaro è più popolare dell’euro.

Elettricità

110V, 60Hz. Occorre un adattatore e un trasformatore.

Telefono

Dall’Italia +506, +39 dalla Costa Rica verso l’Italia. La Costa Rica ha uno dei sistemi di telecomunicazione più avanzati dell’America Latina. Chiamare all’estero è abbastanza economico, se si usano le specifiche carte. La copertura  per la telefonia mobile è buona e in quasi ogni città è possibile trovare internet cafè.

Abbigliamento

La temperatura varia molto a seconda dell’altezza, più che della stagione. A San José (1172 m.) la temperatura media è di circa 20°C, che diventano 15 sulle montagne e 27 sulla costa. Abiti in cotone leggeri, ampi e traspiranti, ma anche qualche capo più pesante. Preferire maniche e pantaloni lunghi al tramonto per diminuire i rischi di punture di insetti. Poi cappello, occhiali da sole, creme e un kway per la pioggia.

Shopping

Il caffè, trai migliori del mondo e le riproduzioni turistiche in miniatura dei tipici carri da mercato.

Suggerimenti

La Costa Rica ha  vietato la caccia su tutto il territorio nazionale. Anche per questo a volte è più facile vedere la fauna in un ambiente antropizzato piuttosto che nelle grandi aree selvagge.

Link utili

Visit Costa Rica 

Since you’re here…

… we have a small favour to ask. More people are reading The Guardian than ever but advertising revenues across the media are falling fast. And unlike many news organisations, we haven’t put up a paywall. We want our journalism to remain accessible to our global audience. Our readers’ contributions enable us to maintain this openness, so we can all access accurate information and analysis.

The Guardian’s independent, investigative journalism takes a lot of time, money and hard work to produce. But we do it because we believe our perspective matters – because it might well be your perspective, too.

If everyone who reads our reporting, who likes it, helps to support it, our future would be much more secure. For as little as £1, you can support the Guardian – and it only takes a minute. Thank you.